April 03 2020 Friday at 07:00 PM

D-Side, la "motocarrozzetta" goes to Biarritz

Wheels and Wave is a red date in our calendar. Is a great Event, a perfect occasion to meet a lot of friends and people, but also became in this year a fixed appointment to show a new bike project for us. The past year we enjoy a lot with the big work we made on the super classic Yamaha Sr 400, that became the Deus 400 Project and a more extreme Deus Lightning, but this year we decide to play different, and always in cooperation with the Yamaha guys that offer us a XV950, we plan to do a very different project. The result is now real, and took the name of D-Side, that is the first Deus sidecar, but is also the first time that we decide to create something that we never approach in our workshop and mind. But this is how we like to play and now, after a big trip and an awesome presentation, we are proud to say that we move on the right...Side! The D-Side is now probably one of the most exciting project we do, and as usual we got an incredibile experience thinking, building and traveling with it. We made it thinking to the trip to Biarritz, or best thinking about a really roadhunter machine, but we acknowledge that we do it with some fear for this unknown world and for the driving style of this type of machine. But today all the answer to this questions are in our face in the picture and the face of the people that saw the bike on the streets: it was so funny to see a lot of people going crazy on the view of the D-Side. And yes, it was really a new kind of experience: a Sidecar is not a full bike, but obviously is not a car any more. Traveling with 3 wheels bring you in a different world: is a more physical way od driving, but with a lot of hidden pleasure. One of this for us, was the possibility to invite a passenger of exception, the photographer Amandine La Pistache, a fantastic adventure companion on board of the D-side that framed our best moments tank to Leica’s support. Find more information on the THE D-SIDE (LA MOTOCARROZZETTA) --------- Il Wheels and Wave è una data che segniamo con una bella X rossa sul nostro calendario. Del resto si tratta di un grande evento, di una occasione perfetta per rivedere tanti vecchi amici e di farne di nuovi, e non ultimo è ormai come da tradizione un appuntamento fisso dove svelare l'ultimo progetto creato. L'anno scorso, come ricorderete, ci eravamo tanto divertiti lavorando sulla super classica Yamaha SR400, che per l'occasione era diventata un doppio progetto il cui nome è diventato Deus 400 e la più estrema Lightning, ma per quest'anno abbiamo deciso di giocare in modo un poco differente e, sempre in collaborazione con Yamaha che ci ha gentilmente messo a disposizione una Yamaha XV950, abbiamo pensato ad un progetto completamente fuori dagli schemi. Il cui risultato è ora realtà, ed ha preso il nome di D-Side che è il primo sidecar Deus, ma che è anche per noi la prima volta in cui ci siamo trovati a lavorare su un terreno completamente nuovo per noi. Ma del resto è così che ci piace giocare e lavorare, e oggi dopo un lungo viaggio ed una riuscitissima presentazione, siamo molto orgogliosi di poter dire di aver preso la giusta...side! E non esageriamo se oggi ci sentiamo di affermare che il D-Side è uno dei progetti più eccitanti sui quali abbiamo lavorato, una idea che ci ha permesso di vivere una serie di incredibili esperienze nel corso della sua progettazione, costruzione e non ultimo utilizzo! Lo abbiamo creato pensando al viaggio a Biarritz, o meglio, pensando di creare un vero cacciatore di strade, ma non fatichiamo anche ad ammettere che lo abbiamo realizzato non senza paure per questo mondo un poco sconosciuto e pensando allo stile di guida di questo tipo di mezzi. Paure che oggi sono lontane anni luce, e le cui risposte a queste domande si trovano tutte nelle nostre facce nelle foto a corredo di questa storia, oltre che nelle facce delle persone che abbiamo incontrato lungo la strada: vedere l'entusiasmo con il quale il D-Side veniva accolto ovunque andassimo è stato tanto divertente quanto emozionante! E si, ora possiamo dirlo: il sidecar è un mondo completamente a se, e ci ha permesso di vivere una esperienza del tutto nuova, diversa da quanto si può provare in sella ad una moto, ma ovviamente altrettanto diversa da quella di un auto. Viaggiare su 3 ruote porta letteralmente in un altro mondo: la guida è più fisica, ma nasconde una gran quantità di piaceri meno noti. Tra i quali ci sentiamo di condividere con voi la presenza sulla carrozzina di un passeggero d'eccezione, la fotografa Amandine La Pistache, perfetta compagna di viaggio che ha immortalato per noi i momenti più belli grazie al supporto del nostro partner Leica.